Selezionato:

Il libro dei Mestieri di Bologna nell'arte dei Carracci

50,00 42,50

-15%

Il libro dei Mestieri di Bologna nell’arte dei Carracci

50,00 42,50

Autore: Giovanna Sapori

Roma, 2015, formato cm 17×24, cartonato, pag. 256, ill. a colori

ISBN: 9788875752279
Aggiungi alla tua lista
Aggiungi alla tua lista
COD: 9788875752279 Categorie: ,

Descrizione

“Già nella prima metà del Seicento erano state stampate alcune serie di incisioni dagli affreschi di Palazzo Farnese, della Galleria e del Camerino, e dalla decorazione della cappella Herrera in San Giacomo degli Spagnoli, cioè i cicli pittorici di Annibale Carracci a Roma. Sono anni importanti per la fortuna del maestro bolognese, per la diffusione della conoscenza della sua pittura da Roma verso l’Europa grazie all’azione di convinti ammiratori, di intendenti che ragionavano anche sulle teorie dell’arte, sul bello ideale.

In questo clima ha origine anche la pubblicazione nel 1646 di Diverse figure al numero di ottanta, Disegnate di penna/ nell’hore di ricreatione/ da/ annibale carracci/ intagliate in rame/ E cavate dagli originali /da simone guilino paragino, libro più conosciuto come Arti di Bologna, titolo di una riedizione successiva.

Promotore e curatore era Giovanni Antonio Massani, colto monsignore appartenente alla cerchia di G.B. Agucchi, F. Angeloni, Cassiano dal Pozzo, Leonardo Agostini e G. P. Bellori. Massani, che era il proprietario dei disegni dei “mestieri di Bologna” ritenuti di mano di Annibale, incaricò il francese Simon Guillain di trarne delle incisioni, preparò un testo di introduzione nel quale al racconto dell’impresa editoriale unì notizie su Annibale Carracci e riflessioni sull’arte firmandosi con l’anagramma del suo nome, Giovanni Atanasio Mosini.

Denis Mahon sessant’anni fa riconobbe, come è noto, che Massani aveva utilizzato una parte del trattato di Giovan Battista Agucchi, cioè che un testo fondamentale per la storia della teoria classicista seicentesca era stato pubblicato nell’introduzione ad una suite di ottanta incisioni raffiguranti venditori ambulanti, un soggetto tutt’altro che ideale”.

Giovanna Sapori è professore ordinario di Storia dell’arte moderna nell’Università degli studi Roma Tre. Ha pubblicato Fiamminghi nel cantiere Italia. 1560-1600, Milano 2006 e numerosi saggi sulla pittura del Cinquecento, la decorazione dei palazzi, gli artisti stranieri a Roma, la grafica e il collezionismo. E’ autrice e curatrice di ricerche di storia dell’arte fra cui: Giovanni di Pietro. Un pittore spagnolo fra Perugino e Raffaello, Milano 2004; Il mercato delle stampe a Roma. XVI-XIX secolo, San Casciano 2008; Le raccolte d’arte della Cassa Depositi e prestiti, Roma 2008. Sta preparando con Claudia Conforti un volume su Il palazzo a Roma nel Cinquecento. Architettura e decorazione, di prossima pubblicazione.

Chiudi il menu
×
×

Carrello