Selezionato:

Pro bono urbis

30,00 25,50

-15%

Pro bono urbis

30,00 25,50

Un progetto di riforma urbana per la Roma di Innocenzo X

di Marisa Tabarrini

Roma, 2018, formato cm 17×24, pag. 264, ill. in bianco e nero

ISBN 9788875753139
Aggiungi alla tua lista
Aggiungi alla tua lista

Descrizione

Il codice Varia consilia pro bono urbis Romae della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, di cui si propone la prima edizione integrale, è una straordinaria fonte inedita per la storia di Roma in età barocca. Databile allo scadere del pontificato di Innocenzo X Pamphilj (1644-1655), il manoscritto presenta un piano di riforma urbana volto ad abbellire la città di Roma, un piano finanziario per rimediare all’indebitamento dello Stato Pontificio, e un regesto degli eventi più significativi tra il 1648 e il 1655. Di eccezionale interesse sono le molte proposte che anticipano i principali piani attuati dalla politica urbana di Alessandro VII (1655-1667) e dai papi di fine Seicento. Sorprendente la collocazione ideologico-religiosa dell’estensore del manoscritto – il cui volto rimane ancora ignoto – apertamente schierato a favore del giansenismo e di istanze politico-sociali che matureranno solo molti decenni più tardi nell’entourage di Clemente XII Corsini (1730-1740).

Marisa Tabarrini insegna Storia dell’Architettura presso la Sapienza Università di Roma. Ha pubblicato numerosi saggi sulla storia della città e dell’architettura barocca a Roma e i volumi Borromini e gli Spada. Un palazzo e la committenza di una grande famiglia nella Roma barocca (2008), Luca Carimini 1830-1890 (1993, con Giancarlo Priori). Ha curato mostre, è intervenuta a convegni e seminari in Italia e all’estero.

Chiudi il menu
×
×

Carrello