Selezionato:

Winckelmann, l'antichità classica e la Lombardia

30,00 25,50

-15%

Winckelmann, l’antichità classica e la Lombardia

30,00 25,50

a cura di Elena Agazzi e Fabrizio Slavazzi

Roma, 2019, formato cm 17×24, pag. 344, illustrazioni a colori e in bianco e nero

ISBN 9788875753290
Aggiungi alla tua lista
Aggiungi alla tua lista
Categoria:

Descrizione

Il fatto che Johann Joachim Winckelmann (1717-1768) non abbia mai visitato la Lombardia non ha impedito che la sua fama si diffondesse rapidamente in questa regione. Milano ebbe la fortuna di vedere la prima stampa in italiano della sua Geschichte der Kunst des Alterthums (1764), pubblicata con il titolo Storia delle Arti del Disegno presso gli Antichi nel 1779, che suscitò intensi dibattiti intorno al canone classico, mentre si assisteva allo sviluppo tecnico-scientifico promosso da Maria Teresa d’Austria. Fu anche grazie alla traduzione di Carlo Amoretti che si irradiò l’interesse storico- artistico per un rigore delle forme, determinando una rottura con il passato barocco e segnalando in Tiepolo un interprete di questa svolta.
Altri attori del transfert culturale tra il mondo germanico e quello italiano popolano le pagine di questo volume, che abbraccia anche la realtà pavese e bergamasca. A fianco di quello milanese, questi ambienti rivelano il ruolo attivo dei collezionisti, dei cultori delle arti figurative e degli illustri membri delle accademie scientifiche, tra i quali troviamo Firmian e Trivulzio, Furietti e il conte Carrara, Malaspina, Aldini e Marchesi, così come i fratelli Verri. In quello scorcio di fine Settecento, tanto i contatti tra le persone, quanto gli scambi epistolari (di cui anche quello di Winckelmann documenta, complice la raccolta integrale delle lettere edita in Italia, un diffuso interesse per l’archeologia e per l’estetica delle opere e dei paesaggi) inaugurano una cultura della memoria del mondo antico che vive ancora oggi nelle opere che la celebrano.

Chiudi il menu
×
×

Carrello